Walter Samuel : “Ripartiamo per noi e per la gente”.

Walter Samuel

L’ex difensore di Roma e Inter , Walter Samuel, ha dichiarato: “Impressionante l’entusiasmo per la Bundesliga, il calcio è importante”

Walter Samuel, ex difensore di Roma e Inter nel calcio ha vinto tutto, i tifosi lo chiamavano “The Wall”, il muro. Se lo ricordano bene gli attaccanti che ha affrontato. Esattamente quattro anni fa ha chiuso con il calcio giocato ,  Samuel ha vinto ovunque è andato, alla Roma e all’Inter soprattutto, ma anche al Basilea, dove ha finito di giocare. Oggi fa parte dello staff della Nazionale di Scaloni.

In questa intervista esclusiva racconta che il calcio manca anche a lui: «Mi auguro che si torni a giocare per dare un po’ di gioia alla gente, è impressionante l’entusiasmo che ha scatenato la Bundesliga. Il calcio è importante, sicuramente il Governo e le autorità scientifiche hanno le loro preoccupazioni, ma mi auguro che si possa tornare a giocare per i calciatori, per la gente che lavora, mi auguro che ripartano anche gli altri sport. Mi sono accorto che guardando le partite in Germania la gente è contenta».

Walter Samuel e le lacrime per l’addio al calcio.

«E’ stato un attimo, sono crollato quando sono arrivati in mezzo al campo Aldair, Burdisso e un mio amico che viveva con me in pensione ai tempi del Newell’s. Per ognuno di noi è un colpo lasciare il calcio, anche se sono rimasto in questo mondo».

Oggi Walter Samuele è nello staff di Scaloni alla guida della Nazionale argentina.

«La cosa che mi ha aiutato è stata aver avuto subito l’opportunità di fare l’allenatore, prima con Pioli, poi a Lugano e ora come collaboratore di Scaloni. Per me essere rimasto nel calcio è stato fondamentale, devo fare esperienza».

E’ rimasto a vivere in Italia.

«Abito a Milano, in centro, anche la mia famiglia è molto contenta qui. Quando c’è la Nazionale mi muovo e vado in Argentina, altrimenti seguo i nostri giocatori impegnati in Europa. Ora purtroppo li sento solo in video chiamata».

I suoi figli sono nati in Italia, lei ha messo le radici qui.

«Una a Roma e un altro a Milano, quello in mezzo in Spagna, quando sono stato un anno al Real. Io sono stato bene in quella esperienza e nel finale della carriera a Basilea, ma i periodi più lunghi e importanti sono stati in Italia, dove il calcio è durissimo, ma a me piace molto».

In campo non si è mai risparmiato. Affrontava anche le squadre impegnate per la retrocessione come in una finale. La concentrazione è stata una delle sue armi migliori?

«In certe partite, contro le squadre considerate piccole, non puoi lasciare punti per strada, devi giocare sempre al massimo, perchè contro le grandi puoi rischiare di perdere qualche punto. Ho cercato sempre di fare il mio lavoro, il difensore deve difendere, anche se ho avuto anche la fortuna di segnare. Io dovevo aiutare la squadra a non prendere gol, al resto ci pensavano i centrocampisti e gli attaccanti».

Walter Samuel ha giocato con grandi campioni. A cominciare da Messi.

«Eravamo insieme al Mondiale del 2010 in Sudafrica. Poi ho avuto la fortuna di giocare con tanti altri campioni, l’elenco è lungo. A Roma c’erano Totti, Batistuta, Balbo, Aldair, Cafu. All’Inter tanti altri: Ibrahimovic, Milito, Eto’o, Zanetti. Per me è stato un piacere giocare con loro, ho visto fare cose impressionanti in allenamento e in partita».

A Roma Walter Samuel ha vinto meno che a Milano, ma il sapore del successo è diverso.

«Sono soddisfazioni diverse. A Roma ero appena arrivato, non avrei mai immaginato di vincere al primo anno, non me l’aspettavo, perchè non conoscevo il calcio italiano. Oggi a distanza di quasi vent’anni mi rendo conto dell’impresa che abbiamo centrato. Essere uno dei giocatori che ha vinto uno dei tre scudetti della storia del club è motivo di orgoglio. Ho il rimpianto di non aver vinto di più, perchè potevamo farlo ancora, soprattutto l’anno successivo, avevamo una squadra fortissima. E oggi mi pento di essere andato via due giorni dopo il trionfo finale. Ero giovane, non mi rendevo conto. Mi sono perso la festa al Circo Massimo, è stata straordinaria».

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *