Alla vigilia del match contro il Verona, l’allenatore della Juventus, Andrea Pirlo, ha parlato in conferenza stampa.

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus in vista del match in trasferta contro il Verona, ha rilasciato una conferenza stampa.

Juventus Pirlo: Che tipo di partita si aspetta contro l’Hellas Verona?

“Sarà una partita molto difficile e molto fisica. Juric ha dato un’idea di calcio molto chiara alla sua squadra e dovremo stare molto attenti alla loro corsa e alle trame di gioco. Ci aspetterà insomma una partita molto tosta. Non dovremo farci sorprendere dalla loro fisicità sapendo che loro giocano un calcio particolare, stile Atalanta. Dovremo stare attenti e saper giocare l’uno per l’altro con scambi veloci e attaccare lo spazio alle spalle”.

Recupera qualcuno per domani? Dragusin giocherà?

“Non, no recupera nessuno, Dragusin può essere un’opzione sin dall’inizio”.

Ha gli uomini contati. Come stanno Dybala e Morata?

“Iniziamo col dire che Kulusevski sta bene e sta imparando tanto ed è pronto per giocare. Lo sta facendo in un ruolo non suo e noi adesso gli chiediamo un gioco diverso dalle sue caratteristiche e lo può fare bene. Per Dybala e Morata non ci sono novità”.

Ma Morata e Dybala sono a rischio per la Champions?

“Per Alvaro aspettiamo qualche giorno, adesso deve stare a riposo fino a domenica. Per Paulo adesso valutiamo la soluzione migliore per farlo tornare a disposizione”.

Dybala è a rischio operazione?

“No, Dybala non è a rischio operazione. Ha fatto un consulto e adesso vediamo quello che può essere il trattamento migliore. Un’altra punta a gennaio? No, non ci serviva è solo che i tempi purtroppo si sono prolungati e non l’abbiamo potuto avere a disposizione”.

Bernardeschi ha chance per partire dall’inizio?

“Sì ha tante possibilità per poter giocare dall’inizio, lui è uno dei pochi che sta sempre bene”.

Chiesa può giocare anche a sinistra, schierando Bernardeschi a destra?

A destra si trova meglio perché più abituato ma gioca bene su entrambi i lati. Ha sempre fatto ottime partite anche a sinistra ma comunque dove gioca dipende anche dagli avversari e dal tipo di partita che vogliamo fare”.

Vi aspetta un vero e proprio tour de force in un momento di emergenza? 

“Faremo di necessità virtù. Giocheremo con chi ci sta. Sapevamo dall’inizio che sarebbe stata dura, ora il rinvio al 17 della partita contro il Napoli aggiunge un’altra sfida ma cercheremo di fare sempre il nostro meglio”.

Che cosa le ha detto il ritorno della Champions?

“In Champions l’intensità si dà con la velocità della palla, ed è lì che le cose cambiano tra campionato e Champions. Le cose in Europa sono molto più veloci e fai partite del tutto diverse. Lo abbiamo visto sulla nostra pelle ma già lo sapevamo. Sappiamo di dover migliorare su questo, stiamo lavorando molto perché il ritmo deve essere lo stesso in campionato e in Champions”.

La Juve è la vera anti-Inter per lo scudetto?

“È un nostro obiettivo, abbiamo il dovere di cercarlo perché è alla nostra portata. Abbiamo davanti squadre forti ma siamo la Juventus e sappiamo di dover lottare fino alla fine“.

Potrebbe interessarti anche: Paulo Dybala, la storia de “La Joya” (il gioiello).