Il Torino di Davide Nicola ospita il Milan di Stefano Pioli nella 36.ma giornata di campionato della Serie A.

Il Torino al quindicesimo posto assieme al Cagliari sfida il Milan al quarto posto assieme all’Atalanta con 72 punti in classifica, nella 36.ma giornata di Serie A. I padroni di casa sono reduci da un pareggio in trasferta contro il Verona per 1-1. mentre gli ospiti hanno vinto contro la Juventus con il risultato di 0-3.

La partita Torino-Milan si giocherà mercoledì’ 12 maggio 2021 alle ore 20.45 nel palcoscenico dello Stadio Olimpico Grande Torino e sarà trasmessa in esclusiva in diretta tv da Sky sui canali Sky Sport Serie A (numero 202 e 249 del satellite, numero 473 e 483 del digitale terrestre) e Sky Sport (numero 251 del satellite). Gli abbonati avranno anche la possibilità grazie a Sky Go di godersi la partita in diretta streaming sia su dispositivi mobili come tablet e smartphone, sia sul proprio pc o notebook.

Nel primo caso occorrerà scaricare la app, nel secondo basterà collegarsi con il sito ufficiale della piattaforma. L’alternativa è costituita da Now Tv, il servizio di streaming live e on demand di Sky che consente, acquistando uno dei pacchetti proposti, di vedere il meglio della programmazione sportiva della tv satellitare.

Le formazioni Torino Milan:

Davide Nicola schiererà il 3-5-2. Tra i pali Sirigu, difesa a tre formata da  Bremer, Lyanco Buongiorno. A centrocampo spazio a  Baselli, Mandragora e  Lukic, mentre sulle fasce laterali agiranno Singo e Rodriguez. In attacco la coppia offensiva Belotti– Zaza.

Stefano Pioli è pronto a scendere in campo con il modulo 4-2-3-1. A difesa del portiere G. Donnarumma spazio a Calabria, Kjaer, Tomori ed Hernandez. In mediana conferma per Bennacer e Kessie. Sulla trequarti spazio a Castillejo, Diaz e Calhanoglu , pronti ad innescare l’unica punta Rebic.

TORINO (3-5-2): Sirigu; Bremer, Lyanco, Buongiorno; Singo, Baselli, Mandragora, Lukic, Rodriguez; Belotti, Zaza.

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria, Kjaer, Tomori, Hernandez; Bennacer, Kessie; Castillejo, Diaz, Calhanoglu; Rebic. Potrebbe interessarti anche: Zlatan Ibrahimovic, la storia di un campione.