L’allenatore del Milan, Stefano Pioli, alla vigilia del match contro Stella Rossa, ha parlato in conferenza : “Vogliamo essere la sorpresa della competizione”.

Stefano Pioli, allenatore del Milan, dopo la sconfitta contro lo Spezia, ha parlato della nuova sfida che vedrà la sua squadra affrontare in trasferta la Stella Rossa nel match valido per i sedicesimi di finale di Europa League: “Bisogna guardare avanti, sabato non abbiamo giocato da Milan. Nello sport quello che hai fatto in precedenza non conta, conta cosa fai da domani. Siamo concentrati nel partire subito bene in questa doppia sfida, contro una squadra che gioca un buon calcio e sta dominando il proprio campionato”.

Possibili novità nella formazione titolare, con Mandzukic che potrebbe avere una possibilità dal primo minuto: “Mario è un grandissimo professionista, un grande giocatore – spiega Pioli – si è inserito bene e sta lavorando tanto, con disponibilità, per essere al meglio. Sta lavorando alla grande e penso possa anche essere pronto per giocare domani”.

Stella rossa Pioli: “Ibra convocato, spiaciuto per assenza tifosi”

 “Zlatan è convocato, verrà a Belgrado tutta la squadra. Che rapporto ho con lui, Rebic e Mandzukic? Sono belli tosti, hanno belle personalità, ti rispettano tanto e dicono quello che pensano. A me piacciono le persone che si rapportano così”. Anche a Belgrado, come accade ormai da mesi, non ci sarà il pubblico sugli spalti: “Siamo dispiaciuti, il calcio è fatto per i tifosi, è fatto di entusiasmo e passione. Avrebbe caricato la Stella Rossa ma anche noi. Ci spiace che non ci siano i tifosi”.

“Vogliamo essere la sorpresa dell’Europa League”

Tre giorni dopo la Stella Rossa, ci sarà il derby: “Dobbiamo avere la massima attenzione sulla Stella Rossa, siamo contenti di tornare a giocare in ambito europeo. La squadra deve sentire le sensazioni, la gioia, l’entusiasmo che abbiamo avuto 139 giorni fa contro il Rio Ave. Vogliamo essere una sorpresa anche in questa competizione. Siamo soddisfatti del nostro percorso, dovremo mantenere la massima umiltà ma anche la consapevolezza dei nostri mezzi”.

Krunic: “Da bambino tifavo Stella Rossa”

Sarà una partita speciale per il bosniaco Rade Krunic. “Da bambino tifavo Stella Rossa, al tempo stesso sono però un grande professionista. Certo, mi emoziona l’idea di giocare in Serbia ma il Milan è la mia seconda casa ed è un club in cui ho sempre sognato di giocare”.

“Vogliamo riscattare la sconfitta contro lo Spezia e siamo pronti per giocare una grande partita. Sabato non siamo stati noi, abbiamo parlato e già domani abbiamo l’opportunità di riscattarci. Dobbiamo voltare pagina”. La sfida di Belgrado come possibilità anche per trovare spazio: “Ogni partita per me può essere un’occasione per dimostrare il mio valore. Sono sempre pronto, poi decide il mister quando e come ha bisogno di me. Il mio ruolo naturale è da mezzala. Noi però giochiamo con un modulo diverso e io mi adeguo: in alcune partite posso dare tanto sulla trequarti, in altre come mediano ma posso fare anche l’esterno”.

Potrebbe interessarti anche: Zlatan Ibrahimovic, la storia di un campione.