Scarpa d’oro a Messi: CR7 è una star, io parlo sul campo.

Scarpa d'oro a Messi: CR7 è una star, io parlo sul campo.

Il fuoriclasse argentino vince la Scarpa d’oro per la sesta volta: “Merito di Suarez e Jordi Alba, gli artefici dei miei gol. E voglio un’altra Champions col Barça”

Ieri Leo Messi festeggiava i 15 anni dal debutto ufficiale col Barcellona. Leo ha frantumato tutti i record di gol del club, si è preso 5 Palloni d’Oro e ieri gli è stata consegnata la sesta Scarpa d’oro, terza consecutiva. Queste le parole di Leo Messi:

Ognuno di noi cerca le esperienze che ritiene migliori per se stesso. Io non ho mai avuto la necessità di abbandonare il miglior club del mondo, che è il Barcellona. Qui mi godo ogni allenamento, ogni partita e la città“.

Cristiano e Ibrahimovic non perdono occasione di promuoversi. Lei no.

Io preferisco che siano gli altri a parlare di me. So ciò che sono, quello che ho fatto e ciò che posso ancora dare, però me lo tengo per me. Semmai, ringrazio gli artefici di tanti miei gol, come Suarez e Jordi Alba“.

La sua unica partita intera della stagione è stata finora quella contro l’Inter. L’ha sorpresa la squadra di Conte?

No, perché la stavamo seguendo da un po’ e sapevamo ciò che avremmo affrontato. Io l’avevo vista in campionato, dove è partita benissimo, nel quale sta lottando alla pari con la Juve, cosa per niente facile né scontata. Sapevamo che quella di Conte è una squadra molto ordinata, che gioca a memoria, che ha già ben chiari i propri automatismi e che ci avrebbe creato delle difficoltà. E così è stato“.

Ha detto di avere un sonno profondo. Cosa sogna?

“Di continuare a vincere trofei con le mie squadre, m’interessano più dei premi individuali. E poi sogno di vincere di nuovo la Champions. Questa è la grande sfida: mettere un’altra Champions in bacheca anche perché è una cosa che poi porta con se i riconoscimenti individuali. Ma ripeto, vincere The Best, il Pallone d’Oro o il Puskas non fa parte dei miei obiettivi: se succede, meglio, ma se non arrivano non è un problema“. Potrebbe interessarti anche Milan Theo Hernandez: voglio fare la storia qui

(fonte: La Gazzetta dello Sport)

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *