Sampdoria Ranieri: “Sarà un campionato falsato”.

sampdoria ranieri

L’allenatore della Sampdoria, Claudio Ranieri, al Corriere dello Sport, dice la sua sula ripartenza della Serie A.

Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, intervistato dal Corriere dello Sport, ha parlato della ripartenza della Serie : “Sarà un campionato falsato, anomalo, ma deve finire per cause di forza maggiore. Quindi concludiamolo e via, ci aspettano due mesi intensissimi. Peraltro la nostra è stata una delle squadre più colpite dal virus: vedo questi ragazzi che fanno più fatica di altri a recuperare, prima non era così“.

L’allenatore si augura che i tifosi possano tornare al più presto allo stadio: ” Si riparte e vediamo che succede, senza i tifosi sarà terribile. Il pubblico in una partita di calcio è tutto. Avere i tifosi accanto sarebbe importante per raggiungere la salvezza. Spero che presto possano tornare: giocare a porte chiuse è come uno spettacolo teatrale senza pubblico. Poi noi abbiamo il vantaggio di avere uno stadio come Marassi dove i tifosi sono a contatto con il campo e si fanno sentire“.

La Sampdoria deve affrontare un durissimo doppio confronto: prima il recupero con l’Inter e poi la Roma: “Il calendario è tosto, se va bene entriamo subito in forma. Dobbiamo affrontare queste due partite con spirito positivo, sapendo di andare a incontrare due corazzate. L’Inter l’ho vista bene in Coppa Italia, ha creato tanto, ha pressato tantissimo, ha fatto girare palla velocemente. Ha incontrato solo un grande Ospina. La Roma di Fonseca? Mi piace come si muove in campo, come pressa“.

D’accordo con le 5 sostituzioni. “La Samp ha una rosa che mi permette di poter ruotare i giocatori, non posso far giocare ogni tre giorni la stessa squadra. Grazie alle cinque sostituzioni posso anche dare minuti di riposo, poi nelle prossime partite vedremo chi recupera. Abbiamo un organico importante, sono fiducioso“.

La lotta salvezza si prospetta dura e avvincente. “Ci sarà da faticare per raggiungere la salvezza. Anche prima avevamo dovuto faticare per uscire dalla zona rossa. Sapevamo dall’inizio di dover lottare partita dopo partita. Sarà così anche adesso, fino alla fine“.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *