Napoli Juventus 1-2. Ieri sera si è concluso il match Napoli Juventus con il risultato di 1-2. Oramai lo scudetto per la Juventus è alle porte, vincere pur non giocando bene e soffrendo parecchio e portarsi a +16 sulla seconda classificata. La buona notizia è il ritorno al gol su punizione di Pjanic, le brutte sono l’espulsione del bosniaco e la mancanza di gioco bianconero. Il Napoli, invece, può solo recriminare per il rigore sbagliato di Insigne nel finale che avrebbe portato la squadra almeno al meritato pareggio. Di seguito le pagelle di Napoli Juventus 1-2:

NAPOLI

Meret 6: sollecitato in avvio in uscita, va di sicurezza. Non può che stendere Ronaldo sul retropassaggio sciagurato di Malcuit e viene giustamente espulso (dal 26′ pt Ospina 5.5: poco reattivo sulla punizione di Pjanic, ha l’attenuante di esser entrato da pochi secondi. Non ha colpe sullo 0-2

Malcuit 4:

Parte molto bene, vincendo il duello con Alex Sandro e mettendo al centro diversi palloni interessanti. Poi, macchia irrimediabilmente la sua partita con una follia: passaggio all’indietro intercettato da CR7 che Meret stende con l’inevitabile espulsione (1′ st Mertens 6: si cala nella corrida con l’animo del combattente, dimostrando come certe notti siano ancora sue più che di Milik per temperamento e carattere).

Maksimovic 6.5: nessuna sbavatura, sulle reti della Juve non ha responsabilità. Esce bene anche in qualche uno contro uno con CR7.

Koulibaly 7.5: si sdoppia nel ruolo di centrale e di attaccante aggiunto. Nella fase difensiva non commette errori, in quella offensiva si rende spesso importante. Da ovazione quando mura Ronaldo, in una gara dal temperamento enorme

Hysaj 6: sbaglia nell’occasione del raddoppio di Can, non trovando la marcatura nel modo giusto sul centrocampista tedesco. Poi, una partita ordinata sia da terzino nel primo tempo sia da centrale nel secondo quando il Napoli passa a tre dietro per cercare la rimonta.

Callejon 7:

Va in chiusura con una capacità tattica impressionante, si propone accentrandosi. Riapre la partita alla mezz’ora della ripresa con un inserimento meraviglioso sul pallone di Insigne, coronando una gara da migliore per il Napoli (dal 35′ st Ounas 5.5: entra con qualche buono spunto, sfruttando gli spazi, ma anche tanta confusione)

Allan 6.5: primo tempo non esaltante anche se con qualche buon recupero, nella ripresa si sdoppia e diventa un fattore anche in fase offensiva. Chiude, con qualità, tutti i varchi, dando tanta intensità alla ripresa del Napoli

Fabian 6.5: si mette in mostra nella prima fase soprattutto per il lungo, aperture panoramiche molto interessanti. Alza molto il baricentro, nella ripresa riesce a fare il play ed il trequartista, gli manca solo la cattiveria nella conclusione

Zielinski 6.5:

Apre il valzer delle occasioni all’11 con un tiro a giro che lambisce il palo a Szczesny battuto. Subito dopo il vantaggio della Juve ha la chance di pareggiare su un pallone verticale di Insigne: ma la serata storta del Napoli si vede dal palo che coglie. Non molla e gioca una gara gagliarda, cogliendo anche una traversa giusto per non farsi mancare nulla con la sfortuna

Insigne 6.5: partita da capitano vero. Lotta, cuce gioco, fa l’assist per il gol di Callejon e prova diverse volte la conclusione. Svaria con continuità su tutto il fronte ed è l’ultimo a mollare. Sbaglia il rigore decisivo, il palo a Szczesny battuto è l’immagine della serata sua e del Napoli 

Milik 5: dura 26 minuti la sua partita, prima della sostituzione ed è anche una gara non giudicabile. Due passaggi appena, senza tiri o dribbling da mettere a referto

All Ancelotti 6: il suo Napoli inizia bene e finisce anche meglio. Nel mezzo, la follia di Malcuit e l’abitudine della Juventus a vincere certe gare. Ha poco da rimproverarsi: forse, solo l’esclusione di Callejon dopo la rete dello spagnolo

JUVENTUS

SZCZESNY 6.5: il palo lo aiuta sul diagonale di Zielinski e sul rigore di Insigne, poi Chiellini gli rimprovera troppa prudenza sul gol dell’1-2. In generale però è una sicurezza, con le mani e con i piedi

CANCELO 5.5:

un tempo in crescita rispetto alle ultime uscite, senza strafare, forse è un bene. Malissimo nella ripresa. Diffidato, si fa ammonire per un intervento fuori tempo su Koulibaly poi guarda Insigne crossare per Callejon (16′ s.t. DE SCIGLIO 5.5: dovrebbe portare solidità sulla fascia destra, entra troppo molle)

BONUCCI 7: prova solida, quando dalle sue parti il Napoli si rende pericoloso la sensazione è che comunque non sia colpa sua, rimpalla una quantità industriale di tiri

CHIELLINI 6: roccioso, sono le sue partite, quelle dove di solito non sbaglia niente. Questa volta però è lui a perdersi Callejon, autentica bestia nera della Juve.

ALEX SANDRO 6: tiene a bada le scorribande di Malcuit e Callejon, molto più attento in fase di disimpegno, più sfortunato che goffo sul rigore.

EMRE CAN 6.5: il gol è un premio a tutto quello che gli è capitato in stagione, ruvido ma di sostanza, a volte impreciso ma cattivo. E alla Juve ora serve tanta cattiveria in più

PJANIC 5.5:

 Ronaldo in stagione gli ha lasciato le briciole su calcio piazzato, quello che trasforma in gol è solo il quarto tentativo del suo campionato. Merita più fiducia. In cabina di regia non sempre fa la cosa giusta, appare però in crescita. Poi quella sciocchezza in avvio di ripresa, quando regala al Napoli la possibilità di tornare in partita con un secondo giallo inutile e sciocco.

MATUIDI 6: non è tirato a lucido come ai bei tempi, in queste occasioni si notano parecchio i palloni persi con eccessiva disinvoltura

BERNARDESCHI 6.5: giocando così, molto più adatto di Dybala, è un fatto. Assist perfetto per Emre Can il suo, perla in una prova di alto livello (40′ s.t. DYBALA sv)

MANDZUKIC 5.5: il croato continua a girare a vuoto (28′ s.t. BENTANCUR 6.5: quando anticipa Koulibaly è come se segnasse un gol)

RONALDO 6: isolato in attacco, è sempre in agguato, alla fine la partita la decide lui ancora una volta, seppure in maniera indiretta. Però se il Napoli resta in partita è anche colpa di quel contropiede gestito in solitudine ignorando un liberissimo Bernardeschi.

All. ALLEGRI 6.5: gli episodi girano a favore, ma la Juve vince e convince a Napoli in ogni caso. Andando a +16. In campionato fare di meglio era impossibile. Potrebbe interessarti anche: Il confronto tra Icardi e l’Inter

(fonte: Calciomercato.com)