MotoGP Marc Marquez. La MotoGP sbarca in Europa per il GP di Spagna e si apre con la conferenza dei piloti. Valentino: “Il mio obiettivo è lottare per il campionato o almeno cercare di restare in lotta”. Marquez: “La caduta di Austin? Errore mio, ma non posso spiegare il motivo”. Dovizioso: “Il nuovo asfalto sarà il punto focale del weekend”. Queste le parole in conferenza di Marc Marquez:

La caduta ad Austin:

“E’ stata una domenica frustante ad Austin, ma dal giorno dopo mi sono subito concentrato su Jerez. Stavo guidando molto bene, avevo fiducia in moto. Comunque abbiamo capito perché sono caduto, mi sento bene in moto, questa è la cosa più importante” .

 “L’anno scorso siamo arrivati qui esattamente con gli stessi punti, questa pista si adatta al mio stile di guida, dobbiamo capire come sarà la pista con il nuovo asfalto, per cercare di essere competitivi da subito” .

“Conosco Masia da tanto tempo, è dotato di tanto talento e adesso lo sta dimostrando. Conosco le sue emozioni, trovarsi in testa dopo le prime gare, gli ho detto di rilassarsi e non preoccuparsi” .

“La caduta? E’ stato un errore mio. Abbiamo avuto dei piccoli problemi nel corso del weekend, che si sono presentati anche in gara. La caduta aveva un motivo, che non posso spiegare, però era dovuto a un qualcosa che non mi aspettavo. Si presentava soltanto in alcuni giri, ma adesso abbiamo risolto il problema” .

“Se la curva ha un significato speciale, allora a me piace che abbia il mio nome. Ad Aragona c’è una curva con il mio nome, io sono molto contento per questo. Jerez è il posto giusto per intitolare una curva a Pedrosa, lui guidava in modo incredibile in curva 6″ .

Casillas? Sono cose strane, difficile da capire perché sono atleti controllati. Spero che possa tornare presto, sono cose che fanno parte della vita. Sono segnali che ti fanno capire che bisogna godersi la vita, se puoi fare una cosa oggi, non aspettare domani” .

La caduta di Austin?

“Ci portavamo dietro quel piccolo problema dall’Argentina, ci aspettavamo di risolvere quel problema per Austin, ma non ci siamo riusciti. Adesso invece è risolto, abbiamo un motore nuovo ed è normale che capiti. Per fortuna è successo all’inizio del Mondiale, non c’è ancora nessun problema per la classifica” .

Cosa lascia Senna ai piloti della MotoGP?

“Io conosco la storia di Senna, conosco il modo in cui guidava, conosco l’incidente, ma non seguivo la Formula 1 come Valentino a quei tempi. So però che Senna dava tutto in pista, non conta solo quanto vince un pilota, ma spesso conta quello che dà in pista, la passione che ci mette: in questo senso mi piacerebbe somigliare a Senna”. Queste le parole di Marc Marquez in occasione della MotoGP in Spagna.

Potrebbe interessarti anche: Conferenza Valentino Rossi

(fonte: Skysport)