Quantcast

Milan Kessie: “Scudetto? La storia parla per noi”.

Milan Kessie

Il centrocampista del Milan, Franck Kessie, in un’intervista a Il Giornale, ha parlato del compagino Ibra e della corsa allo scudetto.

Franck Kessie, centrocampista del Milan, intervistato da Il Giornale, ha parlato della corsa scudetto e dei suoi compagni di squadra. L’ivoriano soprannominato dai suoi compagni Il Presidente ha ringraziato il suo allenatore Stefano Pioli: “Ci ha preso da parte e ha cominciato a parlare – ha raccontato l’ivoriano – a spiegarci cosa voleva da noi. Il gruppo si è messo al lavoro con le sue idee e adesso continuiamo a farlo giorno dopo giorno. Da allora abbiamo cambiato faccia. Abbiamo un mantra che ci ripete tutti i giorni mister Pioli, pensiamo a una partita alla volta. Adesso c’è il Cagliari, il resto non conta”.

Una mentalità che ha portato i rossoneri sempre più in alto, tanto che i tifosi iniziano addirittura a sognare lo scudetto: “Penso che se avessimo il pubblico con noi, specie a San Siro, sarebbe molto meglio. Perché ci darebbe una carica strepitosa, come è avvenuto in occasione di qualche pre-partita. E magari avremmo avuto qualche risultato migliore – ha detto Kessie, che dimostra di non temere affatto la parola ‘scudetto’ – Tabù? E perché mai dovrebbe esserlo? Siamo il Milan, la storia parla per noi. E un club come il Milan non può sentirsi a disagio a parlare di scudetto”.

Eppure sono pochi quelli che credono ad un Milan in vetta fino alla fine del campionato, c’è una spiegazione? “Più che una spiegazione, abbiamo un ringraziamento da rivolgere. Perché questi ragionamenti e pronostici non fanno altro che motivarci ogni giorno di più. Sono le nostre vitamine”.

In vista del match di Cagliari che può regalare al Milan il titolo di campione d’inverno, Kessie suona la carica all’interno dello spogliatoio rossonero, al quale ieri si è aggiunto anche Soualiho Meité: “Vieni a Milanello guarda come ci alleniamo e impara in fretta perché abbiamo bisogno di aiuto. Avremo una partita ogni 3 giorni e ci sarà bisogno di tutti per arrivare fino in fondo alla stagione e ai tre impegni che ci aspettano. Ci darà una bella mano”.

Potrebbe interessarti anche: Zlatan Ibrahimomovic, la storia di un campione.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *