Alla vigilia dell’attesissimo derby Milan Inter, il tecnico nerazzurro, Antonio Conte , ha parlato in conferenza stampa.

Tutto pronto per il derby di domani alle ore 15:00 che vede il Milan di Stefano Pioli sfidare l’Inter di Antonio Conte . Alla vigilia del match Milan Inter , il tecnico nerazzurro Antonio Conte ha parlato in conferenza stampa.

Erano tanti anni che non si vedeva un derby per il primo posto. Che derby si aspetta?


E’ diverso rispetto a quelli degli anni passati perché riguarda l’alta classifica contro due squadre una prima e l’altra seconda. E’ una bella soddisfazione per Milano con questa posta in palio. Il derby lo devi vincere per un discorso di campanilismo e di classifica.

Il sorpasso al Milan che benefici ha portato?


Serenità. Bisogna sempre lavorare con entusiasmo e determinazione. Se la classifica ti sorride devi avere ancora più entusiasmo per fare bene.

Che messaggio ha dato alla squadra per questo derby?


Quello che chiedo quotidianamente per fare il nostro massimo cercando l’eccellenza. Non è cambiato qualcosa rispetto alle altre settimane. Stiamo lavorando per costruire qualcosa di importante. E’ una gara importante contro una squadra forte che merita la classifica che ha. Bisognerà fare una grande gara.

Ha chiesto a Lukaku di evitare discussioni con Ibrahimovic?


Non vedo il motivo perché ci sia del nervosismo. E’ stato designato un ottimo arbitro.

La difesa come arginerà gli attacchi di Ibrahimovic?


Ibra sta dando tantissimo al Milan. Ci ha fatto gol nelle partite precedenti, non è detto che lo faccia ancora. Noi vogliamo vincere il derby. Questa è la cosa più importante.

La mancanza di impegni europei puo favorire l’Inter?


Abbiamo giocato ogni tre giorni. Sulla carta si può parlare di vantaggi e svantaggi, poi c’è il campo. Lavoreremo sicuramente ancora di più non giocando martedì e mercoledì.

Eriksen può essere uomo derby?


Ho ancora tre dubbi, non ho deciso niente. Abbiamo visto miglioramenti.

Questo Derby può essere fondamentale per la lotta scudetto?


Mancano 16 partite. Ogni domenica cambia la situazione, in tanti pensavano che perdendo il derby sarebbe stata la botta fatale per noi. Dopo il Milan avremo il Genoa, poi il Parma che lotta per la salvezza. Andiamo avanti step by step poi ovvio che ogni vittoria dà morale e consapevolezza della nostra forza.

Un messaggio per tutti i tifosi che sono vicini alla squadra?


Noi daremo il massimo per questi colori, per la storia del club e faremo di tutto perché i tifosi a prescindere siano sempre orgogliosi di noi.

Che tipo di lavoro avete fatto su Skriniar per farlo tornare il pilastro della difesa?


In tanti dovevano lasciare l’Inter… Tutti sapevano la verità e loro sapevano i miei programmi. Milan sta facendo molto bene come tutto il reparto arretrato. Hanno trovato un buon affiatamento. Le fortune dell’Inter passano nel miglioramento del singolo giocatore.

Manderebbe Lukaku a Sanremo in questo momento della stagione?
C’è da cantare domani a San Siro…

Scopri le formazioni di Milan Inter