La Lazio di Simone Inzaghi sfida il Torino di Marco Giampaolo nella 25ª giornata di campionato della Serie A.

La Lazio al 7° posto assieme al Napoli, ospita il Torino al 17° posto in classifica, nella 25ª giornata di Serie A. II padroni di casa sono reduci da una sconfitta contro il Bologna per 2-0 mentre gli ospiti nella 23.ma giornata, hanno vinto contro il Cagliari coni l risultato di 0-1.

La partita Lazio-Torino si giocherà martedì 2 marzo 2021 alle ore 18.30 nel palcoscenico dello Stadio Olimpico e verrà trasmessa in diretta tv da Sky sui canali Sky Sport Serie A (numero 202 e 249 del satellite, numero 473 e 483 del digitale terrestre) e Sky Sport (numero 251 del satellite). Gli abbonati avranno anche la possibilità grazie a Sky Go di godersi la partita in diretta streaming sia su dispositivi mobili come tablet e smartphone, sia sul proprio pc o notebook.

Nel primo caso occorrerà scaricare la app, nel secondo basterà collegarsi con il sito ufficiale della piattaforma. L’alternativa è costituita da Now Tv, il servizio di streaming live e on demand di Sky che consente, acquistando uno dei pacchetti proposti, di vedere il meglio della programmazione sportiva della tv satellitare.

Le formazioni Lazio-Torino

Simone Inzaghi schiererà il 3-5-2. Tra i pali Reina, difesa a tre formata da PatricHoedt Acerbi. A centrocampo Milinkovic-SavicEscalante Luis Alberto , mentre la coppia formata da Marusic Lulic agiranno sulle fasce. In attacco la coppia CaicedoImmobile.

Marco Giampaolo scenderà in campo con il modulo 3-5-2. A difesa del portiere Sirigu, difesa a tre composta da IzzoLyanco Rodriguez. A centrocampo conferma per  RinconMandragora Lukic, mentre sulle corsie laterali agiranno  Vojvoda Ansaldi. In attacco la coppia offensiva VerdiZaza.

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric, Hoedt, Acerbi; Marusic, Milinkovic-Savic, Escalante, Luis Alberto, Lulic; Caicedo, Immobile.

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, Lyanco, Rodriguez; Vojvoda, Rincon, Mandragora, Lukic, Ansaldi; Verdi, Zaza.

Potrebbe interessarti anche: Lionel Messi la storia della “Pulce” argentina