Lazio Lotito: Io presidente-tifoso, 120 anni di storia.

Lazio Lotito

Il presidente della Lazio , Claudio Lotito, è pronto a festeggiare i 120 anni del club.

Tutto pronto per festeggiare il compleanno della Lazio. Sono esattamente  120 anni di storia, che tutta la squadra festeggerà . Sarà una festa leggendaria, 120 anni di Lazio all’interno di Castel Sant’Angelo, uno dei monumenti più belli ed importanti di Roma.  Una sala per la cena, un’altra per presentare il francobollo che le Poste Italiane ha dedicato al 120esimo anniversario della società.  Una cena con brindisi aspettando la mezzanotte, il 9 gennaio, tutto organizzato dal presidente della Lazio Claudio Lotito. Il tutto sarà trasmesso sulle frequenze di Lazio Style Channel (canale 233 di Sky). E a pochi passi, a Piazza della Libertà, ci saranno i tifosi, che come ogni anno con cori, bandiere e fumogeni colorano il luogo della fondazione.

Una lunga intervista, per festeggiare i 120 anni della Lazio . Ai microfoni di Sky Sport per uno speciale che andrà in onda proprio in occasione dell’anniversario, il patron ha commentato ricordando il suo insediamento: Ho fatto cose che ad oggi non sarei in grado di ripetere. Dissi di aver preso una squadra al funerale e di averla portata in una condizione di coma irreversibile e che puntavo a far diventare reversibile. Questa società non ha mai avuto un proprietario, in alcuni casi c’era pure il problema delle trasferte. In passato qualche tifoso ha interpretato male questo ruolo, sentendosi in diritto di decidere cose della società. Il motivo? Perché prima sono stati in qualche modo coinvolti.

Poi il messaggio d’affetto per la squadra: Amo dire che sono un presidente-tifoso e non un tifoso-presidente. Ho sempre cercato di mantenere in piedi un sistema che avesse la responsabilità della conduzione. Sei appassionato di Sport? guarda la nostra pagina  per restare sempre aggiornato con le migliori news .  Gestisco anche negli interessi degli altri, non sono una cicala che oggi esiste e domani no.

Questa società la devo tramandare, spero che un domani sia mio figlio a proseguire questo percorso. Io devo fare in modo che tutti coloro che si identificano con questi colori abbiano la certezza di un futuro.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *