Juventus Sarri: Ronaldo non stava bene e ha voluto giocare .

Juventus Sarri

La Juventus di Sarri ha battuto il Milan , ma al 55′ il tecnico bianconero ha sostituito Cristiano Ronaldo e questo non è stato gradito dal giocatore.

La Juventus batte il Milan per 1-0, ma la sostituzione nella ripresa di Cristiano Ronaldo non è stata molto gradita dallo stesso. Dopo il match il tecnico della Juventus, Sarri ha rilasciato un’intervista, motivando la sostituzione di CR7: “Ringrazio Cristiano perché ha giocato in condizioni non eccezionali . Se si arrabbia è normale, ha fatto di tutto per esserci anche se fuori condizione”. Il cambio è stato decisivo in una partita combattuta: “Siamo stati disposti a soffrire“.

Proprio la prestazione mediocre di Cristiano Ronaldo, alla seconda sostituzione consecutiva, ha fatto discutere: “Non è l’età, ha avuto un problema al ginocchio e da allora un risentimento con squilibri, ha dolori, non può allenarsi molto, ha questa difficoltà ed un acciacco che lo condiziona.

Tirata di orecchie? Penso che ci vuole tolleranza quando togli chi vuole dare tutto. Ci possono essere i cinque minuti di arrabbiatura, penso sia normale, all’allenatore fa anche piacere, sarei preoccupato del contrario”. Vuoi rimanere sempre aggiornato su mondo del calcio? visita la pagina mainsport

Nei novanta minuti la Juventus ha sofferto il Milan: “Meno pressing? No, abbiamo discusso anche a fine primo tempo, non si può avere predominio con pressione alta. Gli avversari ti tolgono possesso, stiamo facendo peggio ma non è una richiesta. Oggi siamo stati disposti a soffrire con lo spirito giusto, dobbiamo migliorare come qualità.

Nella prima parte gli abbiamo dato palla, la voglia di vincere e sacrificarsi è venuta fuori. Tanti tiri del Milan? Si ma tiri da fuori, abbiamo fatto una buona gara difensiva. Il Milan ha buone doti di palleggio, ha fatto una gara sopra il livello medio, ha valori tecnici“.

Importante per il successo l’apporto di Higuain e non solo per l’assist: “Per noi è fondamentale anche se segna meno, sa dialogare con i compagni, è importante. Se fai sette gare in venti giorni all’ultima non sei brillante, spendi molte energie arrivi scarico mentalmente la squadra sta facendo di tutto per migliorare, sta facendo passi avanti, lo spirito mi è piaciuto“.

Interazioni del lettore

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *