Quantcast

Italia Mancini: Potrò cambiare qualche giocatore, ma …

Italia Mancini: Potrò cambiare qualche giocatore, ma ...

Italia Mancini. Dopo il positivo esordio nelle qualificazioni Euro 2020 contro la Finlandia, vinta per 2-0, l’Italia di Mancini ospita a Parma il Liechtenstein. Alla vigilia del match, Mancini ha precisato: “Potrò cambiare qualche giocatore, ma noi dobbiamo avere una nostra identità a prescindere dall’avversario. Contro il Liechtenstein sarà importante indirizzare subito la partita per non renderla complicata”.

L’entusiasmo della gente: “E’ il nostro obiettivo. Fa piacere ed è dettato dal nostro gioco. Non abbiamo altra scelta che fare qualcosa di diverso rispetto al passato per entusiasmare i tifosi”.

– Davanti cambierà qualcosa?

Qualcosa cambieremo, dopo l’allenamento decideremo. Non ho ancora preso qualche decisione ma sicuramente cambierò 3-4 giocatori, magari anche qualcuno in più.

– Italia del coraggio, talento e gioventù: che tipo di Nazionale sta nascendo?

“Dobbiamo continuare a crescere e cercare di mantenere la stessa identità a prescindere dall’avversario. Siamo felici perché volevamo riportare entusiasmo e potevamo farlo solo proponendo qualcosa di diverso, attraverso il gioco. Dobbiamo ancora lavorare molto”.

– Verratti può fare il regista o vedi solo Jorginho nel ruolo?

Quel ruolo lo può fare, ma anche Sensi e Barella. Sono giocatori che possono giocare davanti alla difesa e a volte lo fanno durante la partita. Sono giocatori bravi tatticamente e che capiscono le situazioni di gioco.

Sul Liechtenstein

“Il nostro gioco non ci deve far pensare agli avversari. Dovremo essere molto aggressivi domani sera. Non sono tutte scontate: lo abbiamo visto durante Brasile-Panama”

Sulle critiche a Immobile
Nelle considerazioni bisogna tenere conto che Quagliarella è entrato nel finale con le maglie più aperte, mentre Immobile ha giocato all’inizio quando loro erano molto chiusi, ha fatto un grande lavoro e ha giocato in una situazione difficile.

Sui complimenti di Sacchi

“Sono arrivati con 24 anni di ritardo, prima non voleva in Nazionale. Battute a parte, mi fa piacere comunque perché Arrigo ha cambiato il calcio in Italia, chiaro che i suoi complimenti mi facciano piacere “. Potrebbe interessarti anche: Nainggolan si allena da solo

(fonte: Sportmediaset)

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *