Inter Spal Conte: Non voglio rilassamenti…

Inter Spal Conte

Dopo il grande successo contro lo Slavia Praga in Champions League, l’Inter di Conte sfida la Spal domenica 1 dicembre 2019 alle ore 15.00 .

Alla vigilia del match Inter-Spal, il tecnico nerazzurro, Antonio Conte, ha rilasciato come di consueto una conferenza stampa.

Che partita si aspetta contro la Spal?

Dopo partite importanti come quella contro lo Slavia Praga è inevitabile che può subentrare una forma di appagamento. Questo non deve avvenire, se dovesse accadere sarei molto deluso. Stiamo affrontando un percorso di crescita e dobbiamo dare risposte sotto tutti i punti di vista. La Spal rappresenta un ostacolo duro da affrontare, dobbiamo sapere che per noi vincere la partita è fondamentale 

Tutti dicono che Lautaro e Lukaku sono una delle coppie più importanti in circolazione. Come si è arrivati a questo punto?

Sono cresciuti molto. Anche prima dello Slavia dissi che la squadra era una squadra diversa rispetto all’andata e che i nostri due attaccanti, che all’epoca furono disintegrati, erano due giocatori completamente diversi. Stanno lavorando e hanno imparato a capire in che posizioni stare. Stanno lavorando tanto per sfruttare le loro caratteristiche. Sono due giocatori moderni che possono fare sia la prima che la seconda punta. Merito loro che stanno migliorando, ma è giusto considerare che il gol è solo la parte finale di un’azione. C’è ancora tanto da lavorare e da migliorare

Quando rientra Sensi? Ci saranno calcoli sui diffidati?

La partita di domani vale 3 punti e basta questo calcolo perché abbiate delle risposte. Per noi domani è la partita più importante, i giocatori lo sanno e abbiamo grande rispetto per la Spal. Magari qualcuno pensa che sia una partita scontata, ma di scontato non c’è nulla. Domani ci sarà la migliore formazione possibile come sempre. Per me c’è solo un obiettivo, cercare di vincere la partita e fare altri 3 punti, noi dobbiamo guardare solo a noi stessi e mettere ancora fieno in cascina. Su Sensi, da ora in avanti gli aggiornamenti saranno dati solo dai medici. Credo sia giusto così

È già arrivato il momento di credere in qualcosa di grande?

Il fatto che ci sia empatia e entusiasmo tra di noi è molto importante perché si respira un’aria positiva, c’è grande fiducia a prescindere dalle difficoltà. Se voglio cogliere un aspetto positivo dalle difficoltà che ci sono capitate in questo periodo è il fatto che il gruppo in questo modo si è cementato ancora di più. Grazie a tutte queste assenze il gruppo ha capito che solo tutti insieme, avendo fiducia gli uni negli altri, si può riuscire a creare qualcosa di bello. Non vuol dire che si debba vincere per forza. Siamo ancora a un terzo del campionato, stiamo facendo delle belle cose, ma è molto presto per tirare le somme. Cerchiamo di dare ancora il massimo come stiamo facendo fino ad ora. Poi ci sarà un momento in cui ci guarderemo in faccia e se ci saranno cose da dirci ce le diremo .

Inter-Spal Conte. Esposito potrebbe avere una chance dal primo minuto o è ancora presto?

Se non avessi avuto fiducia in lui sarei stato un folle a buttarlo nella mischia sull’1-1 sapendo che avevamo un solo risultato a disposizione. Lui è un calciatore a tutti gli effetti, ho grande stima e grande fiducia in lui. Ormai è a tutti gli effetti uno dei quattro attaccanti della rosa. Cercherò di mettere la migliore formazione possibile, non vado a pensare che poi ci sarà la Roma o il Barcellona. Iniziamo a vincere domani, poi penseremo alla Roma. Se vinceremo affronteremo la Roma con grande entusiasmo, al contrario l’entusiasmo sarebbe dimezzato. Noi dobbiamo cavalcare l’onda dell’entusiasmo, domani dobbiamo portare a casa 3 punti ma la Spal ci farà faticare. Questo è anche un avvertimento per i nostri tifosi, ci dovranno sostenere ancora di più perché non sarà una passeggiata

La crescita degli attaccanti si nota di più rispetto al resto della squadra: come mai?

La squadra è cresciuta sotto tanti punti di vista. Inevitabilmente in copertina poi ci va chi finalizza, in questo caso i nostri due attaccanti, ma la crescita è avvenuta per tutta la squadra sotto ogni punto di vista. Dirlo oggi, dopo una vittoria così importante, è inutile, l’importante è che lo abbia detto prima della gara vinta contro lo Slavia. Rispetto alla prima partita di Champions siamo una squadra diversa perché siamo cresciuti. Ma dobbiamo continuare ancora a crescere e ci sono ampi margini per farlo

Cosa può portare a livello di mentalità una vittoria come quella di Praga?

Il nostro percorso in Champions è sempre stato a petto in fuori, anche quando abbiamo perso lo abbiamo fatto sempre a testa alta. Il fatto di essere riusciti a riportare dalla nostra parte la situazione in Champions ci deve portare entusiasmo positivo, ma non entusiasmo folle. L’entusiasmo folle ti fa tralasciare tutto ciò che poi porta ad aspetti positivi. Noi invece dobbiamo continuare ad avere voglia e cattiveria per vincere le partite, così come stiamo facendo in quest’ultimo periodo. Contro Verona, Torino e Slavia abbiamo dimostrato di avere più voglia dei nostri avversari

Cosa è cambiato nella fase difensiva nelle ultime gare?

Abbiamo avuto più tempo per lavorare su alcune situazioni. Quando si gioca ogni quattro giorni c’è questa possibilità. Abbiamo rivisto alcuni concetti e alcune situazioni sulle quali migliorare. Non dimenticate che quest’anno si è partiti con un nuovo allenatore con una nuova idea di gioco. Quando si gioca ogni tre giorni spesso non c’è il tempo. Il lavoro ha dato dei frutti, ha dato più solidità

Ha curiosità di allenare Gabigol o è impossibile pensare che possa avere una chance?

Ha già parlato il direttore Marotta prima della gara con lo Slavia, credo che la società abbia le idee molto chiare sotto questo punto di vista. Sono felice per Gabigol ma a me piace parlare dei miei giocatori, lui non lo considero un mio giocatore. Vuoi rimanere aggiornato sul campionato della Serie A? Clicca Qui. Parlarne sarebbe una mancanza di rispetto per i miei giocatori e anche per il Flamengo .

Si aspettava che ci fosse un campionato con due squadre che hanno già creato un gap così importante?

Io ho sempre sottolineato il fatto che l’Inter a differenza di cinque o sei squadre ha sostituito giocatori, altri invece hanno aggiunto giocatori in rose già di una certa importanza. Questa per noi è la maggiore sorpresa. Abbiamo dovuto sostituire tre giocatori importanti per l’Inter, cosa che non ha fatto nessuna delle altre squadre. Tutte hanno aggiunto e nessuno ha venduto pezzi importanti della propria rosa. Noi abbiamo sostituito tre giocatori considerati importanti e questo deve sorprendere. Alla luce di quello che questi giocatori stanno facendo nelle altre squadre siamo molto contenti, ora aspettiamo anche un ritorno economico. Siamo contenti per tutto quello che sta accadendo, ma pensiamo a noi. Fino ad adesso l’Inter deve essere considerata una bella sorpresa. Gli altri hanno aggiunto, noi abbiamo sostituito. Questa cosa mi sembra troppo sottovalutata

Contro lo Slavia si è giocato anche con 3 attaccanti: può essere una soluzione

Può esserlo a gara in corso, anche quando forziamo la gara non dobbiamo perdere mai l’equilibrio difensivo. Stiamo lavorando anche a questa soluzione che può essere importante . Si conclude la conferenza stampa di Antonio Conte alla vigilia del match Inter-Spal.

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *