Icardi e la tregua a tempo. Ieri si è svolto l’incontro tra Icardi e l’Inter alla presenza dell’avvocato Paolo Nicoletti, scelto da Mauro e Wanda su consiglio di Massimo Moratti per gestire al meglio la situazione delicata. Si è parlato di presente e di futuro, di come risolvere il problema tra il giocatore e il suo tecnico e anche del perché si è arrivati alla decisione di togliere la fascia da capitano.

Icardi e la tregua a tempo

I toni sono stati più che cordiali, le parti hanno convenuto che in futuro bisognerà evitare che certe criticità si ripresentino e in qualche modo il discorso è andato sul futuro, ovvero sulla prossima stagione. Il paradosso è che è stato più facile parlare di un futuro ancora insieme piuttosto che di un presente con Icardi a disposizione fin da  subito. Icardi non pretende la restituzione della fascia, né il club potrebbe mai concedergliela, ma vorrebbe che l’allenatore fosse realmente disponibile nei suoi confronti e più chiaro rispetto ai motivi per cui si è arrivati al«declassamento», visto che dal suo punto di vista non esistono problemi con il gruppo ma con due soli giocatori, Perisic e Brozovic.

Una tregua a tempo quella tra Icardi e la società nerazzurra, ovvero niente più messaggi incrociati e musi lunghi. Una gestione più serena anche se Spalletti, da Francoforte, ieri sera non è stato conciliante nelle sue dichiarazioni prepartita (“Ho altro a cui pensare”) rischiando di creare evitabili irrigidimenti. In molti hanno sperato che dopo il faccia a faccia con la società, Icardi potesse tornare a giocare, magari già da domenica contro la Spal, ma le possibilità ad oggi sono praticamente nulle. Difficile anche che si possa vedere in campo in occasione del derby col Milan, come molti tifosi interisti vorrebbero.

Icardi e il confronto

La sensazione è che prima di arrivare alla piena e definitiva riappacificazione, l’ex capitano voglia confrontarsi con il presidente Steven Zhang, attualmente fuori Italia. Icardi vorrebbe confrontarsi con il Presidente per capire le cause per cui ha perso la fascia da capitano e in secondo tempo vorrebbe anche un chiarimento coi tifosi. Tre dati di fatto finali. 1) Il tecnico al momento preferisce non parlare della questione. 2) La risposta alla domanda («quando torna Icardi?») non la conosce ancora nessuno. 3) Sarebbe ora che tutti mettessero da parte i propri interessi personali per il bene dell’Inter, che poi è l’unica cosa che conta. Potrebbe interessarti anche: Eintracht Inter le probabili formazioni

(fonte: Skysport)