Genoa Lazio Inzaghi, le parole in conferenza stampa.

Genoa Lazio Inzaghi

Dopo la vittoria contro l’Inter, il tecnico della Lazio , Simone Inzaghi, si prepara ad affrontare il Genoa.

La vittoria contro l’Inter ha proiettato , ha portato la Lazio di Simone Inzaghi a meno uno dalla capolista Juventus. Alla vigilia del match contro il Genoa, l’allenatore della Lazio, Simone Inzaghi , è tornato sulla partita contro i nerazzurri: “Gara da squadra matura“.

Poi ha fatto il punto sulle condizioni di alcuni suoi giocatori: “Lulic e Luis Felipe out. Problemino per Acerbi, oggi si è allenato. Valuteremo prima della partita se impiegarlo“. Poi mescola le carte sull’attacco: “Stesse percentuali per Correa, Caicedo e Immobile“.  Non puoi fare a meno di restare aggiornato con tutte le news della tua squadra? Guarda la pagina mainsport.it . Di seguito le parole in conferenza stampa alla vigilia del match Genoa Lazio di Simone Inzaghi.

Lazio Inzaghi : Cosa vi ha aggiunto la vittoria con l’Inter?

“È stata un’ottima gara, da squadra matura. Andar sotto a un minuto dalla fine del primo tempo non è facile, siamo stati bravi a rimanere lucidi sapendo di avere le qualità per ribaltare. Alla fine lo abbiamo fatto meritatamente”.

Più importante l’umiltà o la consapevolezza?

“L’umiltà bisogna sempre averla per affrontare al meglio tutte le partite, domani è una di queste. Ma allo stesso tempo bisogna avere consapevolezza, stiamo facendo grandi cose, crediamo in quello che facciamo e le partite, con queste due componenti, si affrontano nel migliore dei modi”.

Lazio Inzaghi : Genoa è sempre un campo ostico…

“Non sarà facile, vengono da quattro risultati utili consecutivi e hanno un allenatore che ha portato un’ottima organizzazione. L’anno scorso andammo con molte problematiche di formazione, vincevamo 1-0 ma la partita non finì nel migliore dei modi”.

Come sta la squadra?

“Mancano Lulic e Luiz Felipe che è squalificato. Acerbi ha avuto un problemino giovedì, ma ha stretto i denti e ha fatto un ottimo allenamento. Valuteremo domani”. 

Quanto è importante Correa?

“Sta molto bene, con l’Inter è entrato alla grande, ci ha aiutato e ha fatto perfettamente quello che ho chiesto. Questa settimana l’ho visto bene, dovrò decidere domani se impiegarlo dall’inizio. In questi giorni ho alternato Correa, Caicedo e Immobile: dovrò scegliere, ma hanno le stesse percentuali tutti e tre”.

Ora quasi scherzate sulla parola scudetto, può essere un vantaggio?

“Non lo so. Sappiamo qual è il nostro obiettivo sin dal ritiro estivo. Abbiamo 17 punti sulla quinta ed è una cosa importante. Veniamo da 15 vittorie e 3 pareggi, quindi siamo in un ottimo momento e dobbiamo essere bravi a non guardare né avanti né dietro, sapendo che alla fine del campionato mancano tantissime partite. Poi ad aprile possiamo trarre le dovute conclusioni”.

Preoccupato per Acerbi?

“Ha avuto un problema giovedì, non ha mai saltato una partita e stiamo ragionando. Ieri non si è allenato, oggi sì. Faremo le dovute valutazioni con lo staff medico, considerando che non è l’ultima partita di campionato. Ma so che il giocatore non si tirerà indietro”.

Con Jony a sinistro abbiamo spesso visto Marusic dall’altro lato, il discorso è legato all’assenza di Lulic?

“Marusic e Lazzari sono due ottimi giocatori, quindi posso utilizzarli entrambi. Chiaramente l’assenza di Lulic ci condiziona, è un calciatore fisico e non posso non considerare quest’aspetto. Ma guardo anche gli allenamenti e quindi ho ancora questo dubbio tra Marusic e Lazzari”.

La Lazio può crescere ancora?

“Questa squadra ha avuto un rendimento altissimo, ma quel che è stato è stato. Abbiamo ricevuto consensi com’è giusto che sia, ma mancano ancora 14 partite e tutti sono lì a guardare quel che facciamo. Bisogna avere l’umiltà di affrontare tutte le partite come fatto in questi ultimi quattro mesi”.

Quanto dovrai lavorare ancora sulla mentalità?

“Bisogna mantenere alta la concentrazione, il campionato italiano non ti regala nulla. Domani sarà un altro step importante, troveremo una squadra organizzata e un campo caldo. Ma avremo tanti tifosi al seguito, faranno sì che i ragazzi possano fare una grande gara”.

Quali sono le insidie che presenterà il Genoa?

“La classifica è bugiarda, dovremo tenere una grandissima concentrazione perché il Genoa sta bene fisicamente e mentalmente. Hanno giocatori di qualità, cinque attaccanti molto forti che possono in qualsiasi momento creare dei pericoli. Uno di questi è Pandev, sarà un osservato speciale”.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *