Quantcast

Ferrari Binotto: “Ci sfugge qualcosa, lavoriamo per il 2021”.

Ferrari Binotto

Il team della Ferrari, Mattia Binotto, dopo le qualifiche in Belgio, analizza le prestazioni di Leclerc (13°) e Vettel (14°).

Dopo le qualificazioni del GP in Belgio , il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, tutt’altro che soddisfatto commenta la prestazione da dimenticare delle due SF1000 :  “Situazione difficile, non siamo contenti e non posso esserlo. Si tratta di capire e guardare avanti“. Il team principal della Ferrari, che partirà dalla 13esima e 14esima posizione in gara, non si nasconde: “Serve pazienza, stiamo costruendo per il futuro e siamo proiettati al 2021″.

Ieri nelle libere non siamo riusciti a far funzionare le gomme e i piloti non sentivano fiducia. Abbiamo provato a cambiare i set-up e non siamo arrivati dove volevamo. C’è qualcosa che ci sfugge, spero i nostri meccanici possano capire” ha sottolineato Binotto.

Il team principal della Rossa, sottolineando che la SF1000 in pista è la solita degli scorsi weekend, si aspettava di essere più avanti con i lavori: “Avevamo fatto una scelta di carico aerodinamico in vista della gara. Siamo arrivati a 2 decimi da arrivare in Q3. La situazione è migliorata, ma non abbastanza per stare davanti a chi oggi è il nostro diretto rivale. Dispiace per i tifosi, dobbiamo capire cosa è successo in questo weekend. La situazione di ieri ha compresso la gestione della giornata di oggi“.

Come uscirne? Serve pazienza, stiamo costruendo per il futuro e siamo proiettati al 2021. Vogliamo fare meglio di questa stagione, gare come oggi non aiutano e speriamo di fare bene in Italia” ha aggiunto. Poi la speranza: “Domani non molleremo di un millimetro, i punti si assegneranno domani. Più giriamo e più i piloti prendono fiducia, in gara abbiamo un ritmo migliore rispetto alla qualifica. Domani combatteremo con chi ci sta davanti, se troveremo il giusto bilanciamento la gara è ancora tutta da scrivere“.

VETTEL: “POSSIAMO FARE SOLO QUESTO”

Delusione per Sebastian Vettel: “E’ un quadro realistico purtroppo, questo è quello che questa macchina può fare in questo circuito. C’è stato qualcosa di sbagliato nell’assetto sin dal primo giorno, non ci siamo potuti giocare le nostre carte”.

Il tedesco, che mai come a Spa ha sentito tutti i limiti della monoposto di Maranello, cerca di non abbattersi: “Questa è la macchina che abbiamo adesso e quello che possiamo fare per ora. Quanto è utile una stagione così? Non è eccitante, ma è il mio lavoro. Stamattina sembrava non dovessimo entrare in Q2 e l’abbiamo fatto, vedremo cosa accadrà domani”.

LECLERC: “PASSO INDIETRO, CAPISCO DELUSIONE DEI TIFOSI”

Amaro in bocca anche per Charles Leclerc che non riesce a spiegarsi i motivi dietro ad una prestazione da dimenticare: “A essere onesti è molto difficile trovare una spiegazione per essere in questa posizione. Si tratta di un grande passo indietro rispetto agli altri. Dobbiamo trovare il problema centrale e affrontarlo”. 

Non è stata una buona giornata, ma in questo momento va così e dobbiamo continuare a lavorare sodo. Credo che tutti in squadra debbano tenere la testa alta anche in momenti difficilissimi come questo. Posso capire la delusione dei tifosi a casa. Cercheremo di fare la miglior gara possibile anche se, ripeto, non possiamo aspettarci miracoli” ha concluso il monegasco.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *