F1 News: la Ferrari in appello per la penalità a Vettel.

F1 News: la Ferrari in appello per la penalità a Vettel.

F1 News. Dopo la penalità a Vettel, la Ferrari ha presentato appello alla Corte della FIA.

F1 News. I motori delle monoposto Ferrari e Mercedes non si sono ancora spenti dopo il GP del Canada. Dopo la penalità a Vettel, costatagli il successo, la Ferrari immediatamente ha presentato appello alla Corte internazionale della FIA. Bisogna però chiarire che la sanzione di 5 secondi subita da Vettel, come previsto dall’articolo 17.2 del regolamento sportivo, non può essere assolutamente appellata.

Quindi l’appello è solo contro la procedura che ha portato a deliberare su un caso, comunque controverso, senza aspettare la fine della gara e le conseguenti opinioni e spiegazioni dei due piloti. La Ferrari ha tempo fino a questo giovedì per confermare la propria richiesta di appello e poi sarà il tribunale della FIA a deciderne l’ammissibilità. Difficile possa avere possibilità di ribaltamento del risultato sportivo, perché la stessa Mercedes potrebbe sostenere che senza la penalità a Vettel, Hamilton avrebbe attaccato, anche se Hamilton sul podio ha dichiarato che non era nelle condizioni per farlo. Di fatto potrebbe cambiare la forma di valutazione e a rivalutare le decisione presa, ascoltando le parti e in primis i piloti.

F1 GP Canada. La conferma dell’appello arriva dal team principal Binotto.

In questo momento non possiamo che essere delusi, come squadra nel complesso ma soprattutto pensando a Sebastian e al pubblico. Per quanto riguarda Seb, penso che non avrebbe potuto fare nulla di diverso da quello che ha fatto, motivo per cui abbiamo deciso di appellarci alla decisione degli steward. Lasciamo il Canada con la consapevolezza che oggi, come per tutto il weekend, abbiamo dimostrato di essere competitivi e questo ha dato una dose di fiducia a tutta la squadra“. Potrebbe interessarti anche: GP Canada 2019, vince Hamilton tra le varie polemiche

(fonte: Skysport)

Reader Interactions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *