Daniele Mori. La Juventus ha superato lo scoglio Napoli e, prima dell’Atletico Madrid, c’è solo l’Udinese in Serie A. La Redazione di TuttoJuve.com ha contattato, in esclusiva, il difensore del Gavorrano – ex Udinese – Daniele Mori. Di seguito l’intervista a Daniele Mori :

Come giudichi l’attuale momento della Juventus? 

“I bianconeri stanno attraversando uno dei momenti più brutti degli ultimi anni; gioco prevedibile e lento, basso ritmo ed intensità. Possibili ancora le scorie di Madrid, ma campioni del genere devono saper reagire a ciò. La Juve sta pagando l’intensità agonistica del pressing delle squadre avversarie senza trovare una soluzione di gioco apprezzabile”.

Invece in casa Udinese che aria tira?

“I friulani sono reduci da due gare positive in cui sono arrivati i risultati oltre ad un gran gioco, oltre ad un’intensità superiore rispetto alle gare precedenti”.

Quali possono essere i calciatori chiave di Udinese-Juve?

“In casa friulana, Nicola sta ritrovando un De Paul assolutamente fondamentale, capace di risolvere la partita in qualsiasi momento. Per quanto riguarda la Juve, invece, direi CR7. Può sembrare appannato, ma la sua storia parla chiaro: quando meno te l’aspetti, castiga”.

Un tuo parere sulla sfida di Champions League che aspetta i bianconeri.

“Secondo me perderanno anche in casa anche se ovviamente gli auguro le migliori fortune. L’Atletico è squadra ostica in Europa, difensivamente molto quadrata. I colchoneros sapranno gestire le sortite offensive obbligatorie della Juve e, puntando sul contropiede, vincere. Sarà molto ma molto dura per la Juve; direi un 70% a favore degli spagnoli e 30% Juve”.

Un tuo parere sui recenti problemi difensivi della Juve.

“C’è troppa alternanza degli interpreti dovuta ad infortuni vari e troppa disparità di valori tra titolari e riserve dopo la partenza di Benatia. I bianconeri hanno ottimi difensori, Chiellini è super, ma cambiando interpreti di continuo non è mai facile trovare la quadratura giusta. Ho notato, poi, che la squadra vada in difficoltà sulle verticalizzazioni rapide in profondità; è capitato in Champions con Diego Costa e contro il Napoli con Zielinski”. Potrebbe interessarti anche: Porto Roma

(fonte: TuttoJuve.com)