Ciabatti Ducati. Dopo la vittoria di Dovizioso in Qatar, c’è stato un reclamo da parte di 4 team (Honda, Aprilia, Suzuki e KTM), su un’appendice aerodinamica della Ducati. Dopo l’appello presentato dai 4 team, che non avevano accettato il primo verdetto (ricorso respinto ), gli steward della MotoGP hanno deciso di rimandare la decisione alla commissione d’appello dela Fim a Ginevra. Paolo Ciabatti, direttore sportivo Ducati, ha spiegato tutto a Sky.

Ciabatti: “Questione politica, ma siamo tranquilli”

“Il reclamo che è stato fatto per l’utilizzo del deflettore montato sotto il forcellone posteriore è stato respinto dallo steward panel (primo grado di giudizio). Il regolamento prevede che questa decisione sia appellabile e i 4 costruttori si sono appellati. I commissari d’appello hanno ritenuto di non avere abbastanza elementi per poter prendere una decisione corretta. Per questo hanno rimandato tutto alla Corte d’Appello della Federazione Internazionale di Motociclismo. Nei prossimi giorni credo che chiederà a tutti i 5 costruttori in causa (Ducati, Honda, Aprilia, KTM e Suzuki) le proprie contro deduzioni per poter prendere una decisione definitiva”

Perché siete tranquilli?

“Siamo tranquilli perché abbiamo seguito il regolamento tecnico e una circolare coi chiarimenti relativi all’aerodinamica che è stata distribuita a tutti 8 giorni fa e che, tra l’altro, chiariva proprio come doveva essere usato ed entro quali limiti questo tipo di deflettore sulla parte posteriore della moto. Un componente che, nel nostro caso, ha l’obiettivo di raffreddare lo pneumatico”

Sapevate che avrebbero fatto appello?

“Diciamo che non ci ha sorpreso del tutto. Personalmente, credo che esista la MSMA in cui i costruttori possano chiedere chiarimenti sul regolamento, oppure chiederli direttamente al direttore tecnico se c’erano dubbi sulla circolare, avendo una settimana di tempo prima del GP. Nulla è stato fatto”

La vittoria è sub iudice?

“La classifica è provvisoria fino a quando tutti i reclami non sono stati accettati o respinti”

E’ più una questione tecnica o politica?

“Sembra più una questione politica. Abbiamo già visto in passato che alcune innovazioni che Ducati ha portato per prima nel Motomondiale, a partire dalle alette e dall’aerodinamica, si è sempre cercato di limitarle. Non credo che questo faccia bene al campionato, ma noi siamo sereni e ci rimettiamo alle decisioni di Ginevra”.

Potrebbe interessarti anche: Dovizioso e la vittoria in dubbio

(fonte: Skysport)