Charles Leclerc: Il divano dopo il video su Twitch.

charles leclerc

Il pilota della Ferrari , Charles Leclerc, ospite a EPPC, racconta alcuni momenti esilaranti.

Charles Leclerc , pilota della Ferrari , ospite a EPCC, ha svelato alcuni episodi divertenti della sua quarantena, uno su tutti quello che ha spopolato sui social con la fidanzata Charlotte: il pilota era al simulatore, con le cuffie, impegnato in un rally… talmente concentrato da non sentire le tante chiamate sul suo telefono della ragazza, rimasta fuori casa per 25 minuti… costretta ad acquistare un’iscrizione al suo account Twitch per farsi aprire la porta.

“Mi ha fatto dormire sul divano per una notte… no, scherzo!”. Quindi un aneddoto sul Charles… chef: “Durante l’isolamento ho mangiato solo pasta in bianco e pollo, non vedevo l’ora che riaprissero i ristoranti! Però sto imparando a cucinare, sono bravo nelle penne al burro… e con la carbonara”.

Così scatta il “trappolone” di Cattelan: “Nella carbonara si mette la panna?”. Leclerc: “Sì”. Ma come! “Scherzo, no…”. Il ferrarista e il presentatore hanno entrambe delle mamme parrucchiere. “Ti pettina lei?”, chiede Ale. “Certo!”. Leclerc è già amatissimo dai tifosi della Ferrari e da milioni di appassionati nel mondo, ma non tutti ancora lo riconoscono, evidentemente…

“Già. A Monza, per esempio, l’anno scorso stavo andando a una festa dopo la corsa e il tassista mi chiedeva se fossi stato a vedere il Gran Premio… Bravo quel giovane sulla Ferrari, no? Mi ha chiesto. Sì, molto bravo, glielo confermo…”.

Charles Leclerc : Simulatore o pullman? 

Nella seconda parte della puntata Ale e Charles si sono sfidati al simulatore. Leclerc è stato perfetto ad eseguire le curve del GP di Monaco, Alessandro un po’ meno. “Da bambino, con il pullman della scuola andavo più o meno a questa velocità…”, lo sfotte il ferrarista.

“Beh, in effetti sembro mia figlia agli autoscontri…”, ammette Cattelan. Che poi lo “disturba” al volante inviando al francese dei messaggini su whatsapp.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *