Alla vigilia della quarta giornata di Champions League contro il Real Madrid, il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, ha parlato in conferenza stampa.

Domani a San Siro l’Inter di Antonio Conte scenderà in campo per affrontare il Real Madrid nella quarta giornata di Champions League. I padroni di casa devono assolutamente vincere per continuare a sperare nella qualificazione agli ottavi. Antonio Conte ha presentato la sfida contro gli uomini di Zinedine Zidane.

Antonio Conte ha sottolineato l’importanza estrema dell’impegno:

“Sicuramente per noi rappresenta una finale, dopo i risultati precedenti non abbiamo tante vie di scampo. Ci aspetta una gara difficile contro una squadra che conosciamo tutti per la storia che ha, passata e recente. C’è un risultato importante da raggiungere, però sappiamo anche che se vogliamo possiamo, e all’andata lo abbiamo dimostrato”.

“Il salto di qualità dobbiamo farlo, ci si aspetta tantissimo da noi. Alla fine le chiacchiere stanno a zero e rimangono i fatti, dobbiamo assumerci delle responsabilità iniziando da me e passando per i giocatori e il club. Se questo salto di qualità non è ancora avvenuto significa che c’è qualcosa da rivedere”.

“Spesso e volentieri l’anno scorso partivamo forte, quest’anno tantissime squadre arrivano abbottonate e diventa difficile riuscire a trovare la via del goal, ci vuole più pazienza. Per questo è aumentato tanto il nostro possesso palla. Stiamo concedendo qualcosa di troppo ma, come ho detto prima, se vogliamo essere competitivi dobbiamo alzare tutto: l’attenzione, la concentrazione e la cattiveria”.

Champions League Inter -Real Madrid

“Non penso che il Real Madrid possa piangere da questo punto di vista. Parliamo di una rosa forte e completa, in grado di sopperire alle assenze. Il fatto che la stampa parli di questo mi fa un po’ sorridere”.

“E’ un dato di fatto che si cerchi, a prescindere, di negativizzare il tutto. Lo sapevamo e ce ne siamo accorti anche l’anno scorso, io sotto questo aspetto ero preparato. Quando giochi in squadre così importanti bisogna sapere a cosa si va incontro: non c’è una via di mezzo, o è tutto bello o è tutto brutto. L’unico modo di non andare in pasto a chi dice scemenze è fare bene sul campo, altrimenti si decide di scegliere squadre medio-basse e di fare una vita più tranquilla”.

“Dobbiamo vincere la partita, fare un ottimo risultato. Mancano tre partite, per qualificarci dovremo vincerle tutte o fare quantomeno sette punti. Il nostro girone è il più difficile della Champions, nelle scorse partite abbiamo dimostrato di meritare di più rispetto ai risultati ottenuti”. Sei appassionato di Sport? Non puoi fare a meno di restare aggiornato con tutte le news della tua squadra? Guarda la pagina mainsport.it .