Quantcast

Caso Icardi. Spalletti in Conferenza stampa.

Caso Icardi. Spalletti in Conferenza stampa.

Caso Icardi. Tutto ieri è passato in secondo piano. Un solo argomento o quasi da affrontare alla vigilia del match con il Rapid Vienna. Il caso Icardi, ovvero la fascia tolta al capitano e la sua assenza dai convocati per la trasferta austriaca. Di seguito la conferenza stampa di Spalletti:

Mister, ci spiega la decisione di togliere la fascia a Icardi e la sua assenza tra i convocati?

“La decisione di togliere la fascia a Icardi è stata difficile, molto dolorosa perché sappiamo quale sia il suo valore ma è stata assolutamente condivisa” ha dichiarato il tecnico nerazzurro. “L’abbiamo presa per il bene dell’Inter

La mancata convocazione? 

No, è lui che non è voluto venire qui con noi: era convocato ma ha deciso di restare a casa, dopo pranzo ci ha comunicato che non voleva aggregarsi alla squadra. Una presa di posizione, anche questa, che si affronterà nei prossimi giorni. Io so quanto vale, so che è forte, per me la gestione tecnica non cambia. Ora Icardi non ci sarà ma al suo posto ne abbiamo uno come Lautaro altrettanto forte. Lo ha dimostrato e ci aspettiamo tanto da lui”.

Ma lei come ha visto Icardi?

“Gli è dispiaciuto, ovviamente, ci è rimasto male ma anche per noi, lo ripeto, è stato difficile prendere questa decisione e andargliela a comunicare. Ma ci sono situazioni da mettere a posto e l’ho detto dopo Parma, quello che è successo lo conferma: ero stato frainteso, non volevo invadere il campo dei direttori, oggi è la dimostrazione che le cose andavano e vanno sistemate. Ma se c’è qualcuno che pensa ad altro che al risultato di domani sera, ha sbagliato posto dove trovarsi. La decisione – ha ribadito e puntualizzato Spalletti – è stata presa al momento opportuno, anche ragionata bene seppur molto sofferta. Le cose che gli girano intorno disturbano lui e la squadra di cui era capitano. Mettono in imbarazzo tutto l’ambiente. Ora però dobbiamo mettere tutte le attenzioni sulla partita col Rapid”.

Mister, parliamo del campo. C’è una squadra italiana che paragonerebbe come gioco al Rapid Vienna?

“A livello tattico moltissime, il 4-2-3-1 che usano è molto diffuso in Italia. Loro sono anche molto ordinati a sistemarlo in campo, il fatto che su questo campo non abbiano mai preso gol dipende dalla chiarezza del modo di giocare che hanno nel sistema di gioco. Il Rapid è una squadra molto attenta che sa benissimo quello che vuole, quello che è l’obiettivo da raggiungere, una squadra che ha carattere altrimenti non avrebbe vinto in casa dello Spartak Mosca, campo che conosco molto bene. Hanno passato il turno in un girone difficilissimo. Dobbiamo avere un comportamento assolutamente mirato a quella che è l’intenzione di vincere la partita”. Potrebbe interessarti anche: André Silva ritorna al Milan

(fonte: Sportmediaset)

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *