Calcio Chelsea Sarri. L’allenatore del Chelsea, Maurizio Sarri è riuscito a conquistare l’accesso alla sua prima finale internazionale. Il Chelsea, infatti giocherà l’Europa League nel derby contro l’Arsenal. Dopo questa conquista per l’allenatore del Chelsea non c’è più rammarico e nostalgia per il calcio italiano. Queste le parole di Sarri: “Adattarsi qui non è semplice, è un mondo diverso e devi mollare qualcosa. Giocare così tante partite mi dispiace, ma mi arrapa anche, ho soddisfazione e una bella botta di adrenalina. Gli inglesi sono tutti così: giocando così tanto che se hanno una settimana intera di riposo arrivano addirittura peggio alle partite. Non è più un calcio così diverso dal nostro, ci sono tanti allenatori da tutta Europa, e c’è un gioco più evoluto con però intensità e ritmi del vecchio calcio inglese”, ha detto. Insomma, poche possibilità di rivederlo in Italia: “Non lo so, al momento no”.

Qualcosa ancora da migliorare:

“Qui non ho potuto finora lavorare sulla linea difensiva quanto avrei voluto, anche nel gol preso contro l’Eintracht si è visto: con il lavoro era evitabile. Ci sono tanti giocatori fortissimi a livello individuale in questo campionato, ma sono portatori di palla e ci vuole tempo per innescare la mentalità offensiva di trasmetterla in modo veloce. Non si può replicare situazioni passate, mi diventa difficile e forse poco produttivo visto alcuni giocatori”.

Sulle due finali tutte inglesi:

“Noi per arrivare in finale di Coppa di Lega inglese abbiamo dovuto eliminare le due finaliste di Champions e in finale abbiamo trovato il ManCity… Questo dà un’idea del livello del calcio inglese, e sono convinto che togliendo una delle due coppe nazionali sarebbero ancora più competitivi: così si rischia a volte di arrivare senza benzina”. Si conclude così l’intervista a Maurizio Sarri del Chelsea. Potrebbe interessarti anche: Mercato Inter, Politano

(fonte: Sportmediaset)